8:00
Accoglienza squadre
in zona Fiera Pordenone
11:30
Partenza gara
a Pordenone
14:40
Arrivo
a Tramonti di Sopra
15:30
Cerimonia di premiazione
ed evento finale

3° Trofeo Emozione

Una gara Nazionale per Juniores con lo start nel cuore di Pordenone e con un percorso spettacolare di 127 km che toccherà rinomate cittadine quali, Spilimbergo, patria del mosaico, le Grave, dette anche ”le radici del vino”, la Val D’Arzino, attraversata dall’omonimo fiume che la solca creando, tra le foreste di faggi, una serie di cascate e vasche naturali, la vetta altimetrica di Forcella del Passo Rest (1052 m s.l.m.), un importante valico che unisce la valle del Tagliamento e la Val Tramontina; infine l’arrivo a Tramonti di Sopra.

Il percorso

127 km - 2100m dislivello

La 3a Ed. del Trofeo Emozione è una gara in linea che sfiora i 130 km per quasi 2000 m di dislivello.

Come per le passate edizioni la partenza sarà da Pordenone con arrivo in Val Tramontina a Tramonti di Sopra.

I primi 35 km del percorso presentano lunghi ed ampi stradoni senza alcuna difficoltà altimetrica. Raggiunto il paese di Lestans la corsa inizierà l’avvicinamento alla prima delle tre salite di giornata, 15 km di veloci sali e scendi porteranno al paese di Casiacco dove avrà inizio la Sella Chianzutan.
Sella Chianzutan è una salita di 25 km al 3% di pendenza media, la strada è ampia e con un ottimo manto stradale; è un’ascesa lunga ma non particolarmente impegnativa che si divide in tre tronconi. La prima parte della salita è un tratto di 2 km al 6.6 %, con ampi tornanti che sale fino al paese di Vito d’Asio dove poi la strada spiana. La seconda parte di 13 km è la più facile, si segue il corso del torrente Arzino con un’alternanza di tratti in leggero falsopiano e in discesa senza particolari difficoltà, il percorso vede l’attraversamento di qualche breve galleria, tutte illuminate, con fondo in sanpietrini. All’uscita del paese di San Francesco inizia l’ultima parte della salita, 10 km molto regolari al 7% di pendenza media; in località Pozzis vi sono una serie di tornanti che aprono gli ultimi 4 km di salita dove le pendenze raggiungono il 10% ma per brevi tratti, l’ultimo km poi spiana fino a raggiungere il GPM.
Il percorso prosegue entrando in Carnia con direzione Villa Santina scendendo lungo una strada ampia e ben asfaltata fino in località Chiàicis. Qui si svolta a sinistra, per un chilometro la strada spiana, si stringe, e presenta una serie di curve insidiose per poi, dopo un breve falsopiano a salire, riprendere a scendere verso Villa.
A Villa Santina la corsa si immette sull’ampia statale SS52 e si prosegue in direzione Ampezzo con alternanza di tratti in piano e di tratti in falsopiano, dove i corridori troveranno quasi sicuramente condizioni di vento a sfavore.
Al km 97, in località Priuso, si lascerà la SS52 svoltando a sinistra ed iniziando la seconda salita di giornata.
Forcella di Priuso è una breve ma impegnativa salita di 3 km al 7% con punte all’11% seguita da una breve e veloce discesa di 2 km, e poi da un breve tratto di strada piana fino al fiume Tagliamento.
Il ponte sul Tagliamento segna l’inizio della terza ed ultima salita della gara, Forcella di Monte Rest, 7 km al 7,5 % di pendenza media con punte al 12% presenti tra il secondo e terzo km. La strada, con fondo in ottime condizioni, sale a tratti in mezzo al bosco anche con qualche tornate, Lo scollinamento a Forcella di Monte Rest è a quota 1052 m dove dall’ultimo GPM mancheranno 12 km all’arrivo.
Subito dopo il GPM inizia la picchiata verso Tramonti di Sopra, la discesa di 10.5 km è tecnica, caratterizzata da molte curve ceche e tornati stretti (23) concentrati soprattutto nell’ultimo tratto, la sede stradale è stretta ma il fondo è di recente riasfaltatura.
Terminata la discesa, la strada continua a scendere debolmente per altri 3 km fino al paese di Tramonti dove i corridori troveranno una secca svolta a sinistra. Segue una breve rampa di 200 m al termine della quale l’ultima curva a sinistra immetterà sul rettilineo d’arrivo.

È una gara esigente dal punto di vista del profilo altimetrico, che si adatta sicuramente agli scalatori ma anche a quei corridori passisti-scalatori che hanno un buon periodo di forma. Il percorso è molto scorrevole per i primi 100 km, la Sella Chianzutan è una salita lunga ma non impegnativa in cui non vi sarà particolare selezione ma che può lasciar spazio ad un gruppetto di attaccanti. Chi vorrà puntare al successo dovrà “limare” e risparmiare le energie per gli ultimi 30 km.
La gara entrerà nel vivo con l’ascesa a Forcella di Priuso dove il gruppo si sgranerà parecchio e non avrà modo di ricompattarsi prima dell’ascesa finale a Forcella di Monte Rest. Sull’ultima salita si daranno battaglia un gruppo di 25-30 corridori, chi si sentirà battuto in un arrivo allo sprint cercherà senz’altro di avvantaggiarsi negli ultimi chilometri del Rest, transitare al GPM con un vantaggio di 15-20 secondi potrebbe essere sufficiente per raggiungere in solitaria il traguardo a Tramonti di Sopra.

Il percorso

Vuoi diventare

nostro sponsor?

Vuoi ricevere maggiori informazioni su come poter entrare a far parte dei nostri sponsor?


Contattaci subito